Giorgino, il Sagrestano.

Oggi nella stazione di Imola ho visto qualcosa di bello.
Quando sono arrivata per prendere il treno diretto a Bologna, sul primo binario c’era un gruppetto di persone raccolte intorno alla panchina. In un primo momento non ho fatto caso a quanto stava accadendo, poi sentendo ripetute parole di conforto, e discorsi rassicuranti mi sono avvicinata per vedere a chi fossero rivolti, e lì, sulla panchina, era seduto un signore anziano, che si teneva la testa con le mani. Le dita fra i capelli bianchi tremavano, quando ha sollevato il viso, ho visto i suoi occhi azzurri pieni di lacrime… Continua a leggere

Annunci