Un maggio agitato, non shakerato

Agitato, non shakerato

Il 30 maggio si è concluso il mese di “agitazione”, una specie di protesta che prevedeva la non collaborazione da parte dei capitreno. Una protesta che non va propriamente chiamata in questi termini in quanto la restrizione imposta dagli aderenti si limitava al rispetto del turno prefissato, senza cambi e senza straordinari, una protesta scomoda per i dipendenti stessi e soprattutto per genitori o pendolari come me, ma le motivazioni esistono e sono tutt’altro che opinabili.
Maggio è un mese sempre un po’ caotico, agitato, costellato di eventi, riunioni, cene, feste e cambiare qualche turno avrebbe fatto comodo, ma sono riuscita a conciliare tutto lo stesso, compreso il compleanno della mia bimba.

Foxcola & Co.  Party planner per distrarsi un po’

Ogni anno io e mia sorella ci sbizzarriamo nell’organizazione della festa, scegliamo un tema e da lì cominciamo ad organizzare i giochi e l’animazione,  creiamo una storia, un filo conduttore e trasciniamo i bimbi in un’avventura nella meravigliosa location della Casa vacanze di Osta.
image

Un anno eravamo una ciurma di pirati, l’anno dopo cowboy e quest’anno si trattava di soccorrere il drago Gigetto e i suoi fratelli, stregati da un mago dispettoso. Sono feste semplici, con torte fatte in casa e con giochi di una volta, come la “caccia al tesoro” e “attacca la coda all’asino”, che nel nostro caso era diventato “attacca la lingua al drago”, feste che richiedono lavoro di squadra e giorni di preparazione, dal buttare giù  le idee al creare fisicamente cartelloni, scrigni di cartone, pepite d’oro, mappe, uova di cartapesta, cappelli, bandane, carrelli da minatore e quant’altro.
Il tutto irrealizzabile senza l’aiuto di zii e nonni arruolati più o meno volontariamente.

Quest’anno sono arrivata a maggio un po’ giù di corda, in più tra l’agitazione e il concorso di mia sorella sembrava non esserci proprio spazio per organizzare una bella festa, che invece, alla fine mi ha offerto un ottimo diversivo, un’occasione per staccare la spina, per allontanare la mente; una mente stanca, pesante che ogni giorno accumula sempre di più, intenta a reprimere frustrazione e rabbia.

Maggio in treno

A maggio alla fine ho lavorato poco, non si può dire il contrario, ma i turni sembravano comunque interminabili, tra quelle giornate dove si susseguono problemi uno dietro l’altro, alle volte in cui rischi di prendere le botte, alle volte in cui anche il collega ti aggredisce senza motivo, alle volte in cui sei da solo e sei stanco non funziona niente e non funzioni neanche tu con la gente.
Questo mese poi, le mani me le hanno messe addosso davvero, i soliti ragazzini minorenni senza biglietti e documenti, con loro c’era un extracomunitario maggiorenne e proprio lui dopo che la polfer di Reggio Emilia non è intervenuta, e io rimanevo sulla porta in attesa dei documenti ha iniziato a spingermi sul petto e ad afferrarmi per i polsi fino a quando un viaggiatore si è messo in mezzo e tutta la combriccola è fuggita.
Che fatica, che stanchezza!
E in più è maggio! E ci sono gli investimenti, le ascelle puzzolenti, i mancamenti, le ultime interrogazioni, gli abbonamenti scaduti, il continuo alternarsi di riscaldamenti e condizionatori, i ragazzini che “tubano”sulla predellino del treno, l’euforia della primavera, i primi treni pieni per il mare e i primi treni vuoti per il pendolare…
Maggio è finito, l’agitazione anche, e oggi torno dalla dormita che avrei dovuto fare domani, ho cambiato il turno, ma nel pomeriggio c’è la festa della scuola della mia bimba con tanto di spettacolo, e lei è Biancaneve,  la protagonista, ma Ssssh! È una sorpresa… io non so niente e neanche voi, mi raccomando!

Annunci

One thought on “Un maggio agitato, non shakerato

di la tua

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...